Cosa vuol dire…

 

  • Se dopo episodi di stitichezza, diarrea, gravidanza o sforzi si formano dei noduli anali morbidi, lisci, gonfi durante la defecazione: ;
  • Se insorgono piccoli noduli verrucosi: condilomi;
  • Se insorge dolore – come sentirsi graffiare – durante e dopo la defecazione: ragade anale;
  • Se si è formato un rigonfiamento bluastro liscio e fortemente dolente: trombosi di un nodulo emorroidario;
  • Se vi è febbre ed i tessuti intorno all’ano sono arrossati, caldi, molto dolenti e tumefatti: ascesso perianale;
  • Se si perde sangue dall’ano o si trova sangue nelle feci: emorroidi, diverticoli, neoplasie, polipi, ecc.
  • Se si ha pruritomucosa intestinale – emorroidaria – protrusa od irritata.

In questi casi è indispensabile un controllo proctologico specialistico.

 

Le esperienze dei pazienti 

operati dal Dott. Lucchese

LEGGI QUI