Prenota la visita

Che problemi riscontri?

Persona operata in prolasso rettale emorridarioDefecazione incompletaDefecazione ostruitaStitichezza incoercibile






Il Prof. Lucchese parteciperà come relatore al convegno

"LE DEPRESSIONI.
CAUSE PROFONDE E POSSIBILITÀ TERAPEUTICHE"

Mercoledì 23 maggio 2018 - ore 15.30
Scarica il programma

Rettoscopia

Endoscopia-rettaleLa rettoscopia è una comune procedura medica in cui uno strumento chiamato proctoscopio (talvolta definito anche rettoscopio, sebbene quest’ultimo sia un poco più lungo) è usato per esaminare la cavità anale, l’ampolla rettale, od il sigma-colon. La tecnica permette di controllare direttamente le lesioni della parete rettale, in particolare della mucosa e della sotto-mucosa.
La rettoscopia si esegue con il paziente sdraiato sul fianco sinistro e con le gambre flesse sull’addome. Ormai superata dalla Videoproctoscopia Digitale è comunque consigliabile alla fine di ogni vista proctologica al fine di diagnosticare sia le lesioni anali che rettali e quindi ai fini di una corretta diagnosi differenziale.
Dopo aver ben lubrificato lo strumento, esso viene introdotto sino al raggiungimento della giunzione retto sigmoidea. L’esplorazione viene condotta in retrazione effettuando dei movimenti circolari per poter ben visualizzare tutti i tratti della parete rettale e anale.

Le esperienze dei pazienti 

operati dal Dott. Lucchese

LEGGI QUI